La Bellezza delle nostre Crepe

aprile 26th, 2018 | Posted by Somesh Valentino Curti in Articoli Interessanti
Share Button

5 Maggio 2018, di Somesh Valentino Curti

 

“C’é una crepa, una crepa in ogni cosa

é cosí che entra la luce…”

– “Anthem” by Leonard Cohen

 

Ho passato quasi tutta la mia vita a cercare di liberarmi delle mie “crepe” per diventare perfetto, sperando che questo mi avrebbe fatto sentire completo, soddisfatto e felice … Che sorpresa scoprire che è proprio il contrario! Più accetto e amo le mie crepe, più mi sento completo, soddisfatto e felice. Che sorpresa!

Ma cosa intendo per “crepe”? E come possono essere davvero fondamentali per la nostra felicitá?

Le “crepe”
Considero “crepe” le nostre imperfezioni fisiche, emotive, comportamentali, psicologiche e relazionali, quali paure, vulnerabilità, fragilità, stranezze, debolezze, difetti, fallimenti ecc. Tutte cose che di solito giudichiamo sbagliate e che non dovremmo esistere. Ma perché lo facciamo?

Perché abbiamo paura che se gli altri vedessero le nostre “crepe”, saremmo respinti, giudicati, lasciati soli e quindi soffriremmo. Siamo costantemente impegnati ad escogitare strategie sempre diverse per essere amati dagli altri. Questo è il nostro bisogno fondamentale: essere amati. Iniziamo quindi a considerare le crepe come nemiche della nostra felicità e cerchiamo quindi di nasconderle, evitarle, sopprimerle o eliminarle. Non capendo che così facendo sviluppiamo solamente odio verso noi stessi e aumentiamo la nostra sofferenza, perché le crepe sono parte di noi. È come cercare di liberarsi del dolore di una ferita, grattandola…

Fino a quando andiamo avanti in questo modo?
Fino a quando non iniziamo a soffrire perché non siamo più noi stessi e ci sentiamo costretti nei ruoli che recitiamo. Questi ruoli rendono le nostre relazioni innaturali e richiedono cosí tanti sforzi per essere mantenuti! Che vita!

È solo quando emerge il bisogno naturale di essere noi stessi che iniziamo a rischiare e finalmente ci concediamo di sentire le nostre crepe e di farle vedere agli altri. All’inizio è molto spaventoso, ci si sente nudi e la vergogna o il senso di colpa possono venire in superficie. Cercano di proteggerci dall’essere esposti e quindi dal poter essere feriti.

Vergogna:

“Non sei degno e non sei abbastanza bravo, non provarci nemmeno, fallirai! “

 Colpa:

“Qualunque cosa tu faccia è sbagliata, arrenditi!”

È il nostro bambino interiore che ha sperimentato il rifiuto e ha associato questo evento negativo, o eventi, all’essere aperto e vulnerabile. È spaventato e pensa che essere aperti fosse la causa del rifiuto, quindi inizia a chiudersi per sentirsi al sicuro. I giudizi negativi diventano lo strumento che impariamo ad usare per proteggerci da ulteriori rifiuti, ma a lungo andare ci rendono isolati e profondamente infelici.

Che cosa succede veramente quando ci concediamo di far vedere le nostre crepe?
Iniziamo a rilassarci e le persone intorno a noi inizieranno a sentirsi più attratte da noi, perché possono anche loro rilassarsi, possono essere sé stesse con le loro crepe. Che libertà! Che gioia!

È come nell’arte giapponese del Kintsugi in cui le crepe degli oggetti rotti sono riempite d’oro. Le crepe rendono l’oggetto ancora più prezioso e bello. Questa arte celebra l’unicità e le imperfezioni come la vera Bellezza.

Di che cosa sono fatte le nostre crepe? 
Sono fatte delle nostre esperienze di vita che, come colpi di scalpello, ci modellano e ci conferiscono la nostra forma unica, che costituisce la nostra autentica bellezza! Quando il nostro cuore è spezzato, diventa sempre più grande e largo. Le crepe non lo rompono mai veramente, ma in realtá aumentano la nostra capacità di essere empatici e di amare e diventiamo cosí più capaci di comprenderci e sostenerci a vicenda.

Se ci fate caso, tutti i film, le esibizioni artistiche, le canzoni, i dipinti, le poesie, i romanzi ecc, sono basati sulle nostre crepe, perché? Perché ci rendono umani e unici. Mentre la perfezione, il controllo, l’ordine, ecc, ci rendono meno umani, più contratti e repressi. Le nostre differenze scompaiono nella speranza di essere accettati ed amati. Da essere un’opera d’arte unica e irripetibile, diventiamo prodotti industriali realizzati in serie.

Una perfetta imperfezione
Se iniziamo a dare valore alle nostre crepe, impariamo che non abbiamo bisogno di pagare un prezzo per essere amati. Il modo in cui siamo è abbastanza. Amare e valorizzare le nostre imperfezioni è la cosa migliore che possiamo fare per noi stessi e gli altri, e la vita diventa una galleria d’arte universale e bellissima dove esibire le nostre crepe.

Gli esseri umani sono in fatti vere e proprie opere d’arte che camminano, lavorano, si relazionano, parlano, creano, ecc. Quando nascondiamo le nostre crepe, perdiamo questa bellezza; quando ci apriamo, iniziamo davvero a brillare e a vedere la stessa bellezza che risplende attraverso gli altri. Chiamiamo questa esperienza, amore.

 

Se l’articolo vi é piaciuto, sentitevi liberi di condividerlo e di lasciare un commento qui al fondo pagina.

Se volete contattarmi: info@expat-therapist.com

 

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 You can leave a response, or trackback.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *